Oh, sì! Un’isola tra scorci letterari e angoli mozzafiato è la meta perfetta per la presentazione del Nostro nuovo Catalogo.

I greci la chiamarono Pithecusa, l’ isola delle scimmie oppure, secondo un’ipotesi più accreditata “grande vaso” come quelli che venivano prodotti fin dai tempi più antichi. Furono Omero, Archiloco e Simonide di Amorgo a chiamarla invece “Arime” che Virgilio tradusse in “Inarime” “terra di fuoco” a testimonianza delle tante fumarole ancora oggi attive.
I Romani la chiamarono, invece, l’isola Aenaria, nome che deriva da una delle tante leggende che avvolgono l’isola secondo cui Enea vi approdò così come raccontato dall’ Historiae Naturali di Plinio.
Il termine Ischia comparve la prima volta in una lettera datata 813; a firmarla era Papa Leone III che chiedeva a Carlo Magno un aiuto contro le forze dei saraceni che avevano saccheggiato l’isola.
Probabilmente, quest’ultimo appellativo che ha poi preso il sopravvento deriva da insula, isola appunto, divenuta “iscla” nel Medioevo.
Ischia,  è un’isola vulcanica. In origine doveva essere collegata al continente ma numerose eruzioni vulcaniche la fecero emergere dal mare. Suddivisa in sei comuni, presentano ciascuno delle caratteristiche ben precise che vi lasceranno senza fiato.

Appena metterete un solo piede sul molo del porto vi renderete conto di essere approdati in Paradiso. Un’aria leggera dall’odore di salsedine invaderà le vostre narici e sarà come rigenerarsi all’improvviso.
Cinema Moda e Ischia hanno un rapporto molto stretto. Ischia, infatti, è stata scelta spesso dai registi che hanno scelto di girare sull’isola molti dei loro film. Possiamo annoverare da “Caccia alla Volpe” del grande De Sica, “Cleopatra” con Liz Taylor fino ai più recenti “Il paradiso all’improvviso” di Pieraccioni. Per poi passare alle varie rassegne di moda che si celebrano sull’isola.. “Moda Ischia… Uno stile senza tempo” ed infine il nostro ultimo Catalogo P/E..

Ecco… queste sono le altre ragioni perchè abbiamo scelto quest’ isola!!